mercoledì 30 luglio 2014

L'angolo di Tiziano

Dal Don Chisciotte de la Mancia di Cervantes al Re Lear di Shakespeare; dall’Orlando furioso dell’Ariosto all’Elogio della follia di Erasmo da Rotterdam; dalle Memorie di un folle di Flaubert a Uno, nessuno e centomila di Pirandello: di questi e altri titoli ci parla oggi Tiziano in P come Pazzia.
(Cliccate qui per scaricare il suo contributo)

Buone vacanze Tiziano, ci rivediamo a settembre!

lunedì 28 luglio 2014

Quando la medicina è arte

Vi sono barriere apparentemente insormontabili e sono quelle sulle quali costruiamo i nostri preconcetti. Ogni scienza, arte o disciplina ne è piena, ma spetta sempre a noi, con i nostri gesti e la nostra anima, abbassare queste barriere e lasciare che il vero spirito dell'uomo possa emergere dando risultati per tutti e soprattutto umanizzando i processi nei quali siamo coinvolti.

La medicina è un'arte in cui un corpo parla e quando segnala il malessere, un altro corpo, quello del medico, interviene per aiutarlo nel processo di guarigione.
Tante volte ci immaginiamo macchinari complessi, tecnologie all’avanguardia, ma il primo passo verso la comprensione della malattia è sempre fatto da cose semplici, dal dialogo, da gesti sapienziali come auscultare o controllare il battito cardiaco appoggiando le dita sul polso...non sto sminuendo tutta la complessità moderna che ci aiuta a guarire, ma sto sottolineando, come potete leggere in questo articolo l’importanza di quei piccoli gesti che rendono umana la paura dello star male e accrescono in noi la speranza o ci aiutano a superare le difficoltà. Questa è l'arte medica: un'arte in cui si parla col cuore e si ascolta con l'anima e che fa ancora sentire l'uomo come tale.

Grazie a tutti quei medici che vivono ancora la loro professione in questo modo e che la sentono tale nel loro cuore: sono gli ultimi missionari di un sapere che ci dice che viviamo tutti avvolti nel grande mistero, quello della vita. 

lunedì 21 luglio 2014

Dottore che pensa di me?

E' difficile non avere pareri personali, come è altrettanto difficile non avere preconcetti. Serve molta disciplina, una ricerca continua, una ferma volontà di apertura mentale e soprattutto tanto amore per i propri assistiti.
L'iniziativa di cui si parla in questo articolo è altamente innovativa perchè riguarda l’ambito clinico e si chiama “Open Notes” che altro non è che il diario che ogni medico o terapeuta normalmente tiene con gli appunti che riguardano ogni suo paziente. Ora, con “Open Notes” accedendo a un sito dedicato è possibile rivedere le sessioni o gli incontri con il medico e leggere cosa pensa di noi.
Personalmente credo che sarebbe sufficiente chiederlo in modo diretto, ma sono comunque convinto che uno strumento di questo genere potrà solo migliorare la tanto complessa relazione che si stabilisce tra chi cura e chi deve guarire soprattutto per quei numerosi aspetti psicologici ed emotivi che restano di solito nascosti. La collaborazione è sempre utile e quando si tratta di salute credo sia ancora più necessaria: c'è solo da sperare che questo strumento venga ben utilizzato da ambo le parti.

giovedì 17 luglio 2014

L'angolo di Tiziano

"L'alfabeto ci fa strani scherzi: dopo Noia, ecco Ossessione, che ha mille volti. Si può essere ossessionati dal sesso, dal gioco, e dal gioco d’azzardo, dal denaro, dal passato, dalla sete di vendetta o di giustizia, dallo scrivere, e chissà da quante altre cose. Ognuna di queste ossessioni ha molti libri in tema, e spesso si tratta di grandi libri..."
Clicca qui per scaricare il contributo di Tiziano di oggi.

mercoledì 16 luglio 2014

Hotel, arte e benessere


Nel bellissimo film pluripremiato con gli Oscar "Indovina chi viene a cena" la Hepburn, uno dei protagonisti principali, aveva una galleria d'arte che raccoglieva le opere di pittori, scultori e le esponeva nelle stanze degli hotel di lusso dando la possibilità ai clienti di acquistarle. Un'idea sicuramente geniale e innovativa soprattutto se pensiamo che parliamo di un film girato nel 1967. 

Spostandomi molto per lavoro e dimorando in diversi hotel, spesso mi sono reso conto della "bruttezza" di certe stampe anonime o poco appropriate agli ambienti. Ora, per fortuna, qualcosa sta cambiando e in questo articolo se ne parla diffusamente.

Non c'è niente di peggio per chi viaggia di camere poco accoglienti e, come sempre, l'arte aiuta. Meno male che qualcuno se n'è accorto e sono nate delle catene alberghiere specifiche che fanno delle opere d’arte il loro punto di forza. Del resto cosa c'è di meglio quando non si è a casa propria di uno spazio rigenerante che non sia anonimo, ma che ti faccia sentire bene?

lunedì 14 luglio 2014

Pago io lo stage

Quanto cambia il mondo del lavoro? Tanto e molto velocemente. E in tutto questo un giovane neolaureato non può più perdere tempo nei soliti stage non remunerati in cui solitamente impara ad usare la macchina del caffè e quella delle fotocopie. Così agenzie internazionali hanno iniziato a proporre stage in importanti aziende estere dove realmente si può fare un'esperienza degna di essere chiamata tale e che sicuramente arricchirà il proprio curriculum. Dov'è il problema? Che tutto questo ha un costo ed è a carico dello stagista.

Per imparare bisogna insomma pagare e, profumatamente. L'idea sembra funzionare a scapito purtroppo di chi non può permettersi certe cifre e che, a quanto pare, dovrà ricorrere al solito sistema delle conoscenze o alla lunga trafila di lavori e lavoretti. Come al solito, molte capacità andranno sprecate e perse per strada solo perchè non si può pagare la retta. Un vero peccato!

lunedì 7 luglio 2014

Le vacanze, che stress

-->
Molti sono già partiti, altri ormai sono in procinto di farlo, altri ancora non potranno permettersi nulla, ma tutti con i primi caldi pensiamo alle vacanze. C’è chi vive il ricordo di vacanze al mare o in montagna da bambini o chi anche solo ama scorrazzare per città vuote trovando comunque il modo di dimenticare gli impegni e divertirsi, ma tutti abbiamo voglia di non pensare.
Quello delle vacanze è un tempo per se stessi che andrebbe sfruttato per ritrovare pace e armonia soprattutto con la nostra parte più profonda. Una passeggiata, un buon libro o una sana conversazione lontano dalla fretta sono già ottimi antidoti a quello stress che la crisi sembra aver intensificato oltre misura. Che si parta o si resti l’importante è fermare il tempo ed evitare la frenesia del fare almeno per qualche giorno. Rivivere un senso di stacco e lasciare che le cose trascorrano senza frenesia. È un bellissimo spazio libero in cui potersi finalmente dire che si possono fare cose normali: quali sono quelle che ormai abbiamo dimenticato e che ci ricordano che siamo prima di tutto persone e che ci dobbiamo volere bene, nella semplicità.

venerdì 4 luglio 2014

L'angolo di Tiziano


Le ferie si avvicinano ed è interessante esplorare con Tiziano la noia, uno stato d’animo che per dirla con Leopardi, è in qualche modo il più sublime dei sentimenti umani…