domenica 20 gennaio 2013

Le parole che ti ho detto: orizzonte

La parola orizzonte deriva dal greco horizōn (kyklos), "(cerchio) che delimita". Oggi è spesso usata, soprattutto nella formazione, per indicare una linea da raggiungere, una meta, un obiettivo.
Quello che mi piace maggiormente ricordare è che l’orizzonte essendo quella linea immaginaria che delimita la terra dal cielo, ci rende evidente che dobbiamo sempre essere concreti, anche quando aspiriamo a cose superiori.

A volte però l’orizzonte scompare (mi è capitato vedere questo fenomeno nel delta del Po) divenendo tutt’uno. È un effetto bellissimo nel quale ci si sente immersi in uno spazio infinito, luminoso e in uno stato di "stasi-dinamica".
L’orizzonte è però anche un divenire, più si avanza e più se ne presenta uno nuovo ricordandoci del nostro cammino di miglioramento continuo.

1 commento:

Tiziana Leopizzi ha detto...

Una riflessione colta, rasserenate e con una spruzzata di poesia. Che bello. Grazie